Project Description

Il Lupo
Bile Bile

2010, Teatro Ragazzi

Il Lupo
Bile Bile

2010, Teatro Ragazzi

Il lupo Bile Bile abita in un bosco. Il BOSCO MIO, dice lui. Un giorno, un gruppo di animali domestici arriva e vi si stabilisce. Sono diversi, parlano in modo strano. NON VI CAPISCO IO, dice lui. La realtà che ci circonda parla di popoli in movimento: è inevitabile che l’altro entri a far parte della nostra vita.

spettacolo di teatro per bambini di Panda Project
con Beatrice Cevolani, Delia Trice, Hendry Proni
regia e drammaturgia Panda Project
in collaborazione con Villaggio Globale, Assessorato alle Politiche Giovanili, Comune di Ravenna
(durata 60′)

Premio del pubblico a “I Teatri del Mondo – Festival Internazionale del Teatro per Ragazzi” di Porto Sant’Elpidio.

Il lupo Bile Bile è uno spettacolo rivolto ai bambini del primo e secondo ciclo della scuola primaria.

Quella che raccontiamo è la storia di un lupo che si chiama Bile Bile.
Questo lupo vive felice e solo in un bosco.
A dire il vero non è proprio solo, ha per amica la luna.
Il BOSCO MIO, dice lui.
Un giorno, un gruppo di animali domestici arriva e vi si stabilisce.
Sono diversi, parlano in modo strano.

Per farla breve vi diciamo che degli animali domestici, molti animali domestici, un giorno arrivano e invadono tutto il bosco del lupo perché il contadino costruisce proprio lì la sua fattoria. A quel punto non si capisce più niente.il lupo non capisce quegli animali così rumorosi e diversi da lui, gli animali non capiscono perché devono vivere con un lupo che fa loro paura. E il bosco di chi è? Di uno? Di nessuno? Degli altri? Di tutti? E in tutta quella incomprensione succede un fattaccio.

Quello però adesso non ve lo raccontiamo.

Storia di un arrivo che tra metafore e suggestioni riporta la condizione di chi si sposta e di chi si sente invaso. Non sarà facile per nessuno accettare e farsi accettare, ma alla fine il bisogno e la capacità di cogliere unʼoccasione li metterà a confronto e con lʼaiuto della Luna si arriva al finale: scoprendo la differenza che c’è fra incrociare e incontrare.

panda project & villaggio globale

Lo spettacolo nasce in collaborazione con l’Ass. Villaggio Globale di Ravenna e ha debuttato nell’ambito di “Progettare e vivere in un Villaggio Globale”: percorso per le scuole primarie volto a facilitare l’integrazione di alunni stranieri e favorire l’intercultura.

I temi trattati sono legati allʼintercultura: lʼimportanza di comprendersi attraverso lo studio di lingue diverse, lʼintegrazione dello “straniero” in quanto portatore di culture altre, la difficoltà di chi sente il proprio modo di vivere e la propria tradizione in “pericolo di estinzione”. Migrazione dei popoli, accoglienza, scambio; dal punto di vista di chi arriva, ma anche di chi si sente invaso.

Etica dellʼeco-sostenibilità dei materiali: scenografie costumi e oggetti di scena sono stati realizzati con materiali riciclati e di recupero; lo spettacolo può essere integrato da un laboratorio plastico manuale (costruzione di oggetti di scena – maschere/costumi) o Ri-Creativo (realizzazione di strumenti musicali/ lʼinsegnamento di musiche/ritmi con parata finale) utilizzando materiali di riciclo raccolti in precedenza dai bambini.

Per un pubblico di 100/150 spettatori, anche all’interno degli edifici scolastici, in saloni o aule di adeguata capienza sgomberati da banchi e sedie e replicato più volte nell’arco della giornata.

Foto

Scheda Tecnica
Immagini
PDF